cover_gru

Unborn cities. Un reportage fotografico di città in attesa di essere abitate

Unborn cities. Un reportage fotografico di città in attesa di essere abitate

unborncities_prima

Kai Caemmerer vive e lavora a Chicago ed esplora attraverso i suoi scatti gli aspetto dello spazio urbano nel suo continuo sviluppo. Nel progetto “Unborn cities” ritrae Kangbashi e altre due città nella Cina continentale e sottolinea la grande crescita e la scala fisica di questi spazi. A differenza di quelle occidentali consolidate nel tempo per aggregazione di comunità e luoghi, queste città sono costruite fino al completamento prima di introdurre le persone che le abitano e per questo motivo nel periodo intermedio tutto è in attesa. 

Le immagini sono sconcertanti, un deserto messo a lucido in attesa della vitalità che anima ogni città di questo mondo. Sono città defunte ancora prima di nascere, città fantasma che sognano la vita.

Un prodotto finito e progettato nei dettagli ma privo di umanità; che non è frutto di esigenze ed esperienze ma dell’atto creativo di un dio-architetto che si arroga il diritto di decidere il destino di uno spazio. Sarebbe forse più bello lasciare che le cose avvengano, che siano gli eventi a stabilire un legame con un territorio in modo molto naturale, come in fondo è sempre stato.

kaimichael.com

 

unborncities_06

unborncities_05

unborncities_04

unborncities_03

unborncities_02

unborncities_01

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

cover_virus

Underworld. Capire le città attraverso le fogne, l’ultima invenzione di Carlo Ratti (MIT)

cover_gru

Ombre di crisi immobiliare sullo skyline di NYC