Teatrino Grassi a Venezia

Minimalista nell’essenza ma ricercato nei dettagli: è lo stile eclettico del nuovo Teatrino di Palazzo Grassi, restaurato nell’ambito di un progetto di recupero più ampio, che ha riguardato negli scorsi anni anche lo stesso Palazzo Grassi e Punta della Dogana. Ripristinando l’impianto originario privato delle superfetazioni e integrandovi alcuni elementi di modernità, l’edificio è stato rinforzato e rinnovato sotto il profilo architettonico.

palazzograssi_01

 

L’opera, ispirata ad un’estetica pura ed essenziale,  porta la firma dell’architetto giapponese Tadao Ando, la cui notorietà è connessa soprattutto all’uso quasi esclusivo del cemento a vista, in casseforme della dimensione del tatami giapponese, spesso associato al legno o alla pietra. Le superfici interne, lisce e lucenti, sono realizzate in cemento a vista. I dettagli decorativi delle mura completano l’opera conferendole un carattere artigianale fortemente influenzato dal gusto moderno ma molto legato anche all’architettura tradizionale nipponica. Per quanto riguarda, invece, la pavimentazione, è stata adottata una superficie in calcestruzzo che crea una continuità materica e cromatica del pavimento con le pareti e la soffittatura. Realizzato da Ideal Work, quello che è stato definito Pavimento Nuvolato per la particolare sfumatura del grigio scelto, “Pewter”, e la lavorazione disomogenea che avvolge il visitatore in una spirale pluri-sensoriale.

Estetica di forte impatto, suggestione e condizioni acustiche ottimali fanno del nuovo teatrino lo spazio ideale per ospitare conferenze, incontri, proiezioni e concerti.

palazzograssi_02

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

illuminazioneled_evidenza

Illuminazione LED Milano

wikihouse_evidenza_606x

WIKIHOUSE 4.0