Theatre Tower di Amstelveen

Il progetto degli architetti Benthem Crowel ha previsto un rinnovo integrale del teatro che ha toccato gli ambienti interni, il palcoscenico, le attrezzature e anche ovviamente la facciata esterna

La facciata è innovativa e originale ed è costituita da pannelli in alluminio composito etalbond® con un nucleo resistente al fuoco, che sono stati rivestiti con vernice a tre strati per maggiore resistenza agli agenti atmosferici. La dimensione delle cassette è 1.5m x 1.5m, nella quale è stata formata una sagoma sferica idroformata.

L’idroformatura è un processo di deformazione plastica che applica pressione idraulica sul pannello il quale risiede su uno stampo negativo, dando in questo caso una mezza sfera.

I pannelli etalbond® hanno uno specifico sistema di ancoraggio per facciate ventilate che ha consentito un’installazione veloce, evidenziando la visione estetica dell’architetto.

Il committente ha scelto etalbond® per molteplici motivi: perchè è completamente personalizzabile e i pannelli hanno lunghezze e spessori customizzati a seconda delle necessità del progetto, per la gamma molto ampia di colori (solidi, metallici o speciali – l’effetto legno, i colori cangianti, i colori strutturati, le superfici anodizzate per citarne solo alcuni), perchè è resistente e soprattutto perchè è flessibile e può adattarsi a tutte le forme desiderate.

All’interno di questo progetto è stato fondamentale poter realizzare delle forme specifiche che creano un ambiente originale e riconoscibile e con un colore peculiare che rende l’edificio unico al mondo.

Amstelveen-Theatre-(1)

 

Kilden theatre in Norway

 

An undulating wall of local oak pierces the glass facade of the Kilden performing arts center in Kristiansand, Norway, designed by ALA. The wall allures the audience and expresses the diversity of artistic performances housed by the building as well as the power induced by their combination. Stunning.

ph. Delete Tuom Uusheimo

kilden_02

kilden_01

Store & Theatre RENOVA

Le fotografie di Fernando Guerra mostrano il progetto dello spazio culturale di Renova- Fabrica de Papel do Almonda a Torres Novas in Portogallo, progettato da Phyd Arquitectura.  L’intento è stato quello di progettare questo spazio come una macchina : “a Time Capturing Machine” spiegano gli architetti.  Questa condizione, chiara fin da subito, era naturalmente il risultato del luogo, del contesto e dello spirito industriale, condizioni a cui è stata aggiunta appunto la volontà di catturare, all’interno del progetto, il tempo e il suo flusso, attraverso la luce.

Il progetto è stato pensato attraverso la superficie , dando continuità e discontinuità di espressione, segnando i limiti precisi delle due superfici principali, interno ed esterno . Demarcazione fatta attraverso i materiali usati  ma anche attraverso la progettazione e la misurazione del punto di transizione tra le due superfici . Phyd Arquitectura ha progettato la copertura esterna in acciaio e la superficie interna è caratterizzata dal colore arancione . L’ uso continuo dello stesso colore e dello stesso materiale attribuisce ad aumentare il livello di astrazione di questo spazio. Caratterizzato da due superfici di carattere contrapposto e antagonista, questo progetto ha però anche un’altra premessa fondamentale , la foratura .

Il risultato di questa azione di foratura, sono delle aperture trasparenti dell’involucro che variano a seconda del titolo dello spazio.

Il tentativo è stato quello di restituire un luogo dove attraverso l’architettura di questa “Time Machine” , le persone possano provare l’esperienza della luce e della densità del tempo.

ph. © Fernando Guerra | FG+SG

54fe917be58ece0642000105_renova-store-theatre-phyd-arquitectura_134l

0c809ee7161213ce9caeb88f75e82d96

54fe91cce58ece0642000106_renova-store-theatre-phyd-arquitectura_180l

54fe9205e58ece0642000107_renova-store-theatre-phyd-arquitectura_208l

54fe915de58ece05b4000121_renova-store-theatre-phyd-arquitectura_129l

54fe9193e58ece91ea00012c_renova-store-theatre-phyd-arquitectura_146l

 

54fe90f4e58ece91ea00012a_renova-store-theatre-phyd-arquitectura_35l

54fe9126e58ece05b4000120_renova-store-theatre-phyd-arquitectura_60l-530x529 54fe9148e58ece91ea00012b_renova-store-theatre-phyd-arquitectura_61l

Theatre de Stoep

UNStudio’s design for Theatre, in the Dutch town of Spijkeniss, responds to the current cultural invigoration of the city by merging the archetypal function of a theatre – that of creating a world of illusion and enchantment – with the specific requirements of a regional theatre and its requisite to cater to the varied needs of the local community. The theatre is therefore designed with a dual emphasis on the chimeric nature of the world of the stage and the social aspects of the theatre experience.

stoep_01

Theatre de Stoep is designed to fortify and inspire liveliness, providing at one and the same time a place of performance, of social gathering and of experiencing contrasting realities: the world of the other, of fabrication, of expression and display, but simultaneously the very real sentient experience of ourselves as spectators within these worlds.

stoep_02

Theatre de Stoep hosts a wide variety of performance types, including plays, opera, cabaret, musicals, concerts, youth theatre and dance performances. As such, versatility in the acoustic properties of the theatre spaces is paramount. The recent rapid development of the software used to control acoustics made it possible to engineer and optimise the sound quality within the auditoria. Thus the ceiling elements can be lowered and angled to adjust volume levels when required, while the acoustic wall panels reflect and increase the quality of the sound for every seat in the auditorium.

stoep_evidenza

 

Light and colour play an essential role in the experience of the theatre, not only in the auditoria and for productions, but also for setting the scene, the atmosphere and the mood in the public foyers. During the day the lower glass portion of the facade enables daylight penetration directly from both the front of the theatre and from above, throwing daylight deep into the foyer and above the stairs leading to the auditoria. In the evening a warm and inviting atmosphere is created through the use of both colour and artificial lighting.

stoep_04

Ph. Peter Guenzel, Jan Paul Mioulet, Peter de Jong