Michael Green

Michael Green, conosciuto a livello internazionale per i suoi edifici pluri-premiati e per i suoi progetti di aeroporti e grattacieli, in un talk a TED racconta la sua passione per il legno. Nei suoi edifici fatti di legno le persone si avvicinano al materiale da costruzione, toccandolo; cosa che non accade in edifici fatti di cemento o acciaio “Non ho mai visto nessuno camminare in uno dei miei edifici e di abbracciare una colonna in acciaio o in cemento, ho visto la gente toccare il legno, e penso che ci sia una ragione”, afferma Michael.

In un’ottica più green, l’architetto invita ad abbandonare tutti quei materiali utilizzati nei secoli scorsi in favore di materiali come, appunto, il legno.

mg-architecture.ca

michaelgreen_01

UNNUMBERED SPARKS

La struttura (in)consistente è stata realizzata in occasione del trentesimo anniversario di TED. Centinaia di aiutanti sono saliti sui tetti degli edifici vicino al Convention Center di Vancouver. Durante l’arco dell’intera giornata, le fibre ondeggiano fluttuando sulle teste dei passanti. Di notte l’installazione prende vita e si illumina con una miriade di colori che si alternano su questa nube. I colori possono essere gestiti dai passanti con piccoli gesti sullo smartphone.

Luci multicolor creano effetti surreali amplificati dall’azione del vento. ‘Unnumbered Sparks’ mostra come la fusione tra arte e tecnologia abbia una finalità sociale coinvolgendo tutta la città ed i suoi abitanti.

SCULPTURE: Janet Echelman, Autodesk

INTERACTIVE ART: Aaron Koblin, Google

PH: Ema Peter

unnumberedsparks.com

unnumbered_city

unnumbered_day

unnumbered_rednight

Design with the blind in mind

What would a city designed for the blind be like? Chris Downey is an architect who went suddenly blind in 2008; he contrasts life in his beloved San Francisco before and after — and shows how the thoughtful designs that enhance his life now might actually make everyone’s life better, sighted or not.

Senseable Cities

With his team at SENSEable City Lab, MIT’s Carlo Ratti makes cool things by sensing the data we create. He pulls from passive data sets — like the calls we make, the garbage we throw away — to create surprising visualizations of city life. And he and his team create dazzling interactive environments from moving water and flying light, powered by simple gestures caught through sensors.

Neobarocco digitale

Ispirato dalla divisione cellulare, Michael Hansmeyer scrive algoritmi che creano forme affascinanti e dai milioni di sfaccettature. Un neo-barocco digitale che non si può disegnare a mano ma che si può costruire — e che potrebbe rivoluzionare il modo di pensare alle forme architettoniche. Hansmeyer, architetto, si interessa professionalmente di generazione di algoritmi e modelli matematici per la modellazione di forme solide, per l’architettura e il design.

Kent Larson a Ted

How can we fit more people into cities without overcrowding? Kent Larson shows off folding cars, quick-change apartments and other innovations that could make the city of the future work a lot like a small village of the past.