Paint by drone. I graffiti sono fatti da un drone

paint-by-drone_prima

Carlo Ratti Associati presenta “Paint by drone” un sistema portatile per dipingere le facciate urbane e realizzare grandi opere murali collettive utilizzando i droni. Nella sua implementazione iniziale, il progetto propone di utilizzare le facciate dei cantieri come tele giganti. Quelli che normalmente restano bianchi oppure ospitano grandi spazi pubblicitari. I graffitari del futuro saranno artisti o guidatori di droni con la passione per l’arte?

Read More

I murales di KAWS sui campi da basket a Stanton Street, New York

stanton-street-basketball-courts-sport-urban-design-nike-kaws-brian-donnelly-brooklyn-new-york-usa_dezeen_2364_col_1

Nike ha arruolato l’artista Kaws per dipingere e brandizzare due campi da basket a New York City. L’artista, noto per le sue opere vivaci e colorate, per i soggetti raffigurati che provengono dal mondo dei cartoon vivaci, approda a Manhattan. Il progetto è parte dell’ultima campagna del gigante sportivo Nike che vedrà una serie di collaborazioni con le comunità e interventi in tutta la città.Read More

Scompare la piramide vetrata del Louvre. L’illusione ottica di JR

jrlouvre_prima

Cour Napoléon, il cortile iconico del museo del Louvre di Parigi accoglierà per tutta l’estate 2016 un’opera anamorfica di JR. Attraverso l’uso del ritratto, l’artista propone la smaterializzazione della piramide in vetro e acciaio utilizzando il principio di anamorfosi-distorsione di prospettiva che richiede lo spettatore a occupare un determinato punto di osservazione per ricostituire l’immagine. Da un preciso punto spaziale della corte, la parte inferiore della piramide svanisce fondendosi nella facciata del museo.Read More

Senza energia anarchica, l’arte di Blu muore

image

Ne parlano tutti i giornali. Blu, artista di strada, non sarà presente con le sue opere bolognesi alla mostra L’arte allo stato urbano, curata da Christian Omodeo e fortemente voluta da Roversi Monaco. Non sarà presente perché nel frattempo le ha letteralmente e come ormai tutti sanno, cancellate dai muri. Un gesto senza mediazione, l’autore distrugge la propria opera per evitare che venga consacrata arte proprio da quelle istituzioni d’arte che la street art nasce per combattere. Il gesto è radicale ma coerente, sensato e necessario.Read More

Banksy does New York – Il film

Il primo ottobre 2013 l’inafferrabile street artist inglese noto come Banksy ha dato vita a un progetto unico nel suo genere personalizzando con la sua arte, giorno dopo giorno, una location non preannunciata di New York e scatenando così per 31 giorni una caccia al tesoro delle sue opere, sia online che per le strade. Catturando questo mese di follia, BANKSY DOES NEW YORK di Chris Moukarbel -che arriva nelle sale italiane distribuito da Wanted dal 7 settembre in occasione dell’apertura del tenebroso parco di divertimenti lanciato da Bansky in UK, Dismaland- include anche contenuti creati dai “cacciatori” di Banksy, dai video di YouTube alle foto di Instagram: la risposta dei newyorchesi è così diventata parte del lavoro stesso, un esilarante e dettagliato resoconto del clamore provocato in città dal misterioso artista.Read More

Banksy arrested in London

banksy_evidenza

Su National Report è stata pubblicata la notizia sull’arresto di Banksy, uno degli street artist più famosi al mondo. E’ stata svelata la sua identità, ma qualche dubbio rimane. E’ davvero lui o è una strategia di marketing?Read More

ASPHALT#1 – Urban Biennale

escif_01

Ridefinire un “atteggiamento” vis-a-vis della città, piuttosto che nascondere i difetti e le debolezze urbanistiche, cogliere l’occasione per trasformarle in punti di forza, contribuire, attraverso la proliferazione di interventi artistici, ad una riappropriazione della città e ad un vero e proprio rimodellamento urbano, trovare un modo originale per presentare il lavoro di arte urbana di artisti internazionali.Read More