M89 Hotel. La struttura shed di matrice industriale in chiave contemporanea

M89_prima

Di fronte c’è la sequenza ritmata dei volumi in mattoni dell’ex fabbrica Caproni, con le loro coperture a shed e quel fascino di archeologia industriale: l’M89 Hotel, nuova destinazione quattro stelle situata al civico 89 di via Mecenate, si affaccia sui capannoni che un secolo fa ospitavano una delle più grandi realtà dell’aviazione e che ora sono divenuti sede di Gucci, a seguito di un meticoloso intervento di recupero e ampliamento elaborato da Piuarch.Read More

Zzzleepandgo. Il tuo letto in aeroporto

zzzleepandgo_03

Partenze all’alba, aerei in ritardo, scali di tratte intercontinentali e voli cancellati dilatano il tempo di permanenza in aeroporto. A Malpensa nasce così Zzzleepandgo, il primo capsule hotel in cui dormire, rilassarsi, guardare un film e lavorare in totale privacy prima della partenza. Mini cabine di 3 mq con connessione internet WI-FI, un piano per lavorare, un tabellone dei voli con cui sincronizzare la sveglia, un tetto apribile automaticamente, uno scanner per i documenti e un letto comodo su cui stendersi. Sono questi gli ingredienti del nuovo sistema economico per dormire in aeroporto. A partire da 9 euro per un’ora e da 34 euro per tutta la notte, si ha a disposizione un piccolo spazio per il relax personale.Read More

L’architettura di Manuelle Gautrand sfida i limiti spaziali del IXX arrondissement a Parigi

hipark_prima

Le varie limitazioni spaziali hanno contribuito fortemente alla forma del nuovo Hipark Hotel di Manuelle Gautrand a Parigi. Nel IXX Arrondissement il sito è davvero molto stretto, spremuto sul lato meridionale dal residence per studenti, e mangiato a est da una barriera acustica. L’edificio si fa spazio all’interno di questi vincoli. Il volume che ne risulta è rastremato, piani inclinati consentono l’accesso lungo la facciata orientale, mentre lo spazio perduto viene recuperato sul lato Boulevard d’Indochine.

Read More

Sleepbox Hotel parte da Mosca

Tecnicamente si chiamerebbe “albergo capsulare”. Di fatto sono delle scatole mobili da installarsi ovunque ci sia un allacciamento ad una presa di corrente elettrica. L’aeroporto Sheremetyevo di Mosca è stato, qualche tempo fa, il primo palcoscenico di queste Sleepbox, progettate dallo studio di architetti russi Arch Group.

Sleepbox_1

Sleepbox_aeroporto

Perchè si dovrebbe usarle?

Perchè è un tipo di hotel che costa relativamente poco (da 70 a 140 €), perchè verranno collocate in location strategiche e comodissime dal punto di vista logistico (a km 0, potremmo dire) e perchè è un’esperienza che un viaggiatore, almeno una volta nella vita, dovrà pur fare.
Cercando “Sleepbox Hotel” su Google il primo address è quello di Booking.com che attribuisce a questa nuova soluzione di accoglienza a Mosca il voto massimo di 9,0! Roba che neanche i 5 stelle…

In questo caso è un’aggregazione composita di più unità, un vero e proprio hotel su 4 livelli con una reception, un infopoint, una lobby, zona fumatori, armadi. I clienti possono verificare gli orari dei trasferimenti o cercare luoghi di interesse specifico grazie ad una serie di iPad fissati alle pareti.

Varia è l’offerta delle Sleepbox: in legno, laccate bianche o nere, a letto singolo o doppio o triplo, ciascuna con luci di lettura a led, vani portaoggetti e tv.

Sleepbox_6

Sleepbox_recep

Sleepbox_7

Sleepbox_business

Sleepbox_2

Sleepbox_3

Sleepbox_4

Sleepbox_corridoio

Sleepbox_5

Sleepbox_bici  Sleepbox_interno

The Fontanay: Matteo Thun + Stormer Murphy

Con un budget di oltre 100 milioni di Euro, Klaus-Michael Kühne, presidente esecutivo di Kühne + Nagel Logistics, intende definire un nuovo stile anseatico del lusso.

La nuova struttura sarà caratterizzato da ampie superfici vetrate ed elementi di ceramica bianca in facciata. Le linee fluide del piano terra e del tetto riprenderanno le morbide curve della riva del fiume. Il palazzo di nove piani ospiterà un ristorante stellato e un’area benessere all’ultimo piano, offrendo una vista panoramica sul lago. Anche l’infinity pool, con una parte della piscina scoperta e una zona coperta, permetterà agli ospiti di godere di una vista privilegiata sul fiume Alster. L’hotel disporrà di 130 suite con una superficie tra i 45 i 250 mq e di 20 residenze.
I lavori di costruzione inizieranno in estate 2014. L’inaugurazione è prevista per l’estate 2016.
Matteo Thun & Partners

Thun-interni

curve-Thun

Thun-fiume