BERLIN DREAMS

Un’opera di architettura di vetro, basata su 9 invisibili linee tracciate attraverso Potsdamer Platz, terra di nessuno tra Berlino Est e Berlino Ovest, prima che fosse ricostruita.
Ognuna delle 9 “Linee ispiratrici” rappresenta un gruppo di tipologie architettoniche della storia civile di Berlino: dal bar taverna al cimitero, all’auditorium, alla biblioteca, all’ospedale, alla scuola, al capannone, al festival, ai monumenti rimossi, al sacro luogo selvaggio. Questi luoghi sono come una mappa temporale o un orologio spaziale, che traccia una matrice di figure storiche, discipline, linguaggi, eventi, colori, forme e momenti della giornata impressi in modo invisibile nel mutato centro della città. Una forma geometrica che scaturiva dall’intersezione di alcuni punti lungo questa matrice, come l’ala di un angelo del futuro.

Per la realizzazione di quest’opera scultoria si è scelto lo specchio Mirox 3G di AGC Glass Europe creato da Fiam Italia.

Il vetro, da sempre materia delle meraviglie, con la sua naturale e leggera trasparenza, è una superficie duttile, affascinante ed altamente evocativa che, nelle mani di Libeskind, è stata plasmata in una soluzione profondamente espressiva: una forma non convenzionale dai mille riflessi.
Una piccola architettura urbana dove la trasparenza ha assunto una nuova densità, una pienezza fatta di riflessioni, di storia, di momenti che rimandano al passato, puntando sulla sfera emozionale dell’osservatore.

Al Fuorisalone è andato così in scena la magia di Berlin Dreams, la sintesi di due attori internazionali del mondo dell’architettura e del design: la produzione di AGC Glass Europe e il talento creativo di Libeskind.

daniel-libeskind.com

In evidenza | installazione Berlin Dreams di Daniel Libeskind, realizzata con lo specchio Mirox 3G di AGC Glass Europe da Fiam Italia per l’evento Fuorisalone 2014 Urban Stories, che si è tenuto a Palazzo Litta – Milano.

berlin-dreams

 

berlindreams_sketch

800×1200 ECO-DESIGN

Al Fuorisalone Conlegno, in collaborazione con Be-eco for sustainable construction, presenta i primi prototipi della linea “800×1200 eco-design”. E’ questa un’esposizione dedicata a tutti coloro che sono inclini al design ecosostenibile e a coloro che si confrontano con un nuovo concept di arredamento ecofriendly. I pallet sono protagonisti delle rivoluzione verde di questo design eco sostenibile. Obiettivo del progetto è fornire soluzioni innovative ed operative per l’impiego dei pallet nella realizzazione fai-da-te di oggetti di design unici, dalla forte personalità ma ad un costo accessibile a tutti. Tavoli, cassettiere, letti, sedute, mobili porta oggetti: non c’è limite alle soluzioni creative di “800×1200 eco design”.

800×1200.it

ecodesign_libreria

ecodesign_chaiselong

ecodesign_ortourbano

ecodesign_tav

ecodesign_libr

ecodesign_mensole

ecodesign_salotto

ecodesign_tavolodiv

EXPLODING CHAIR

Exploding chair è una seduta in ferro realizzata con cassero su misura, verniciata a polvere in colore bianco lucido e con illuminazione a led integrata. È l’elemento su cui si basa l’installazione, un progetto di commistione e confronto tra sistema urbano e sistema naturale, diretto a definire elementi ibridi sospesi tra sogno e realtà, entità fatte di vuoti, pieni, luci e ombre. Questi insiemi materici sono leggeri,quasi inconsistenti, sagome tondeggianti dai tratti lievi. Di sera il fascino e l’intimità delle loro volutamente imprecise aggregazioni si arricchiscono dell’emozionante gioco di luci che, insinuandosi negli spazi lasciati liberi, rende l’atmosfera surreale.

La città ha bisogno di nutrirsi attraverso opere iconiche e ecosostenibili; ha bisogno di arricchirsi in termini lessicali e contenutistici; ha bisogno di bellezza, concretezza, alternatività, ibridazione. L’installazione rappresenta, in tal senso, un simbolico seme capace di contaminare, d’illuminare, di favorire riflessioni possibili.

PROGETTO | Simone Micheli

REALIZZAZIONE | Nieder e Welding

simonemicheli.com

explodingchair_dayrender

explodingchair_simonemicheli

internimagazine.it