Architetti fra le baracche: tentativi di risposta nelle città informali

informal_apertura

C’è spazio per un architetto in un quartiere informale? Sono a Cazucá, periferia sud di Bogotá e mi faccio questa domanda. Sono qui per partecipare ad un workshop nel quartiere di Altos del Pino, organizzato dall’associazione locale Proyecto Escape e dall’Observatorio Urbano Hábitat dell’Università La Salle: insieme a studenti di Architettura, Urbanistica, Ingegneria ambientale e Comunicazione, provenienti da Colombia, Germania e Italia, collaboriamo alla realizzazione di alcune opere all’interno del quartiere, destinate sia alla comunità che a singole famiglie.

Read More

Vivere e sopravvivere in città. Ai tempi della pace e ai tempi del conflitto

TransMilenio_Calle_63

Bogotá, febbraio 2008. Bus pieno, anzi strapieno. Zainetto come sempre in mano con il notebook dove si conservano -in epoche ancora lontane da dischi esterni e dai cloud-, quasi tutto: le password, le immagini della vita, le produzioni. Esco dal bus, lo zaino è sorprendentemente leggero: hanno sfilato dallo zainetto non si sa come, la mia estensione tecnologica. E m’è pure andata bene. Read More

Penalosa a Bogotà. Ritorna chi ha messo in bici e bus la capitale colombiana.

penalosa_evidenza

Da grandi poteri derivano grandi responsabilità. Nel caso del nuovo-antico sindaco di Bogotà, sarebbe da invertire: da grandi responsabilità, derivano grandi poteri. Eh si, perché il sindaco famoso nel mondo per avere messo in bici e in bus la capitale colombiana, alcuni anni fa si è preso la responsabilità di stravolgere la città.

Read More