SILO 468 | Interactive light art

Il progetto SILO 468 dello studio con base a Madrid, Lighting Design Studio (LDC) è una conversione di un silos, utilizzato precedentemente per il riposo dell’olio in un’opera d’arte e uno spazio pubblico. L’ex silos è in riva al mare di fronte al centro storico della città di Helsinki in Finlandia. I venti dominanti, ben noti ai residenti, sono fortemente presenti. La luce naturale, il vento e il movimento della luce sull’acqua hanno dettato le basi del progetto illuminazione. Le pareti esterne sono state perforate con 2.012 fori con riferimento a “Helsinki Capitale Mondiale del Design 2012”. 1.280 cupole LED a 2700K bianchi sono montati all’interno del silo dietro i ritagli e visibili da diversi chilometri di distanza.

Silo-TU-02

ph. Tuomas Uusheimo

L’illuminazione è il primo passo di un progetto ben più ampio di riqualificazione urbana: attirare l’attenzione dei turisti verso il quartiere e crea un punto di riferimento per cittadini e visitatori. Attraverso lo studio della luce naturale e l’uso di quella artificiale è stato progettato uno spazio civico a disposizione di tutti i cittadini.

Silo-TU-01

ph. Tuomas Uusheimo

L’interno è verniciato con un rosso intenso così la luce del giorno che filtra attraverso il modello ricrea atmosfere simili a quelle orginarie con la ruggine sulle pareti. Nella parte Nord non ci sono perforazioni ma 450 specchi in acciaio mossi dal vento. Con la luce del sole SILO 468 sembra brillare e scintillare come la superficie della griglia bianca di LED.

Silo-HIO-03

ph. Hannu Iso-oja

Il collettivo madrileno ha sviluppato un software su misura che si aggiorna ogni 5 minuti e, utilizzando swarm intelligence, modula intensità e cicli on/off, in base a velocità del vento, direzione, temperatura, giorno, notte.

Silo-TR-04

ph. Tapio Rosenius

ldcol.com

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

ph. Chetwoods

Phoenix Towers

duoprix_01

Premio Duo@Work