Shoebaloo Store in Amsterdam

Lo Studio MVSA Architects, conosciuti per l’approccio moderno e minimale al design e all’architettura, hanno progettato il nuovo flagship store di Shoebaloo nel cuore di Amsterdam. Dall’esterno, Shoebaloo store si pone in contrasto, per stile e colori, con gli altri edifici del centro storico di Amsterdam. La vetrata aperta, fiancheggiata da due pilastri in Bluestone belga, si affaccia su un mondo aperto e trasparente, in grado di incuriosire i passanti.

In primo piano, appena dietro la facciata di vetro, una grande vetrina, bianca ed ellittica, anticipa gli interni futuristici e insieme espone i prodotti. All’interno, partendo proprio dalla vetrina, si sviluppa un gioco dinamico di linee che formano superfici ricurve di diverse altezze e dimensioni, tutte evidenziate da un sistema di illuminazione integrata. I due ambienti principali, ellittici anch’essi, nascondono in parte il bancone, sul fondo, accanto al display degli accessori e a una grande vetrina verticale, realizzata su disegno del cliente, così come gli specchi e le poche sedute indipendenti.

Le pareti, sinuose, sono rivestite di pietra acrilica HI-MACS® nella tonalità Alpine White, e riprendono il gioco di linee sulle pareti e sugli espositori, questi ultimi ricavati da strati più sottili di HI-MACS® Opal traslucido, retroilluminati con luci LED. Il pavimento, costituito di lastre di marmo, è decorato da eleganti venature nere.

La parte centrale, invece, proprio dove convergono gli ambienti dei due spazi principali, si articola in maniera opposta, con marmo nero e venature bianche. I soffitti, anch’essi ellittici, come gli oblò di un’astronave mostrano disegni astratti di linee fluide, luminose e risplendenti, a richiamare il cosmo.

shoebaloo_01(700x)

© Jeroen Musch

 

shoebaloo_02(700x)

© Jeroen Musch

 

shoebaloo_03(700x)

© Jeroen Musch

 

shoebaloo_04(700x)

© Jeroen Musch

 

shoebaloo_05(700x)

© Jeroen Musch

 

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

students_evidenza

Grønneviksøren Student Apartments

cucinella_evidenza

SOS. School of sustainability