Artist Ana Teresa Fernandez paints the border fence to give it the illusion of transparency during "Borrando la Frontera" (Erasing the Border) art project, at the border between Mexico and the U.S. in Ciudad Juarez, Mexico, April 9, 2016. "Erasing the Border" took place during this day in Baja California, Sonora and Ciudad Juarez, according to the group. REUTERS/Jose Luis Gonzalez   FOR EDITORIAL USE ONLY. NOT FOR SALE FOR MARKETING OR ADVERTISING CAMPAIGNS.   - RTX2996Q

Il muro è sempre più blu: cancellando il confine tra USA e Messico

Il muro è sempre più blu: cancellando il confine tra USA e Messico

Volunteers paint the border fence between the United States and Mexico to give the illusion of transparency during the "Borrando la Frontera" (Erasing the Border) Art Project in Mexicali, Mexico April 9, 2016. REUTERS/Sandy Huffaker FOR EDITORIAL USE ONLY. NOT FOR SALE FOR MARKETING OR ADVERTISING CAMPAIGNS TPX IMAGES OF THE DAY - RTX298P8

I muri stanno tornando attuali. E non solo i muri ciechi che finiscono per ospitare grandi esempi di street art, ma anche i muri che intendono bloccare il libero transito di persone tra un paese e l’altro. Mentre vengono costruite nuove barriere e altre vengono promesse con ansia, c’è chi prova letteralmente a cancellare i muri. È il caso di Borrando la frontera/Erasing the border, progetto a metà strada tra land art e gesto politico, dedicato alla lunga barriera che separa Messico e Stati Uniti. 

Promossa da Border/Arte, collettivo di artisti dell’Arizona, l’iniziativa sviluppa un’idea molto semplice: ridipingere parti del muro, in modo che la barriera non sia visibile in lontananza. Armati di pennelli e vernici, gli attivisti coprono la ruggine con una tinta azzurro cielo che, almeno da lontano, rende il muro una presenza meno incombente sulle vite a nord e sud del confine. Il progetto si aggiunge ad una lunga tradizione di gesti artistici sui muri e contro i muri: i disegni di Bansky e molti altri tra Israele e Palestina; i murales interconfessionali tra quartieri cattolici e protestanti di Belfast; i disegni che resistono sulle porzioni del muro di Berlino rimaste ancora in piedi.

Volunteers Brooke Collins (L) and Ana Lucia Lopez paint the border fence, while two doves sit on top of the wall between the United States and Mexico, to give it the illusion of transparency during her "Borrando la Frontera" (Erasing the Border) Art Project of Ana Teresa Fernandez, in Mexicali, Mexico April 9, 2016. REUTERS/Sandy Huffaker FOR EDITORIAL USE ONLY. NOT FOR SALE FOR MARKETING OR ADVERTISING CAMPAIGNS - RTX298QN

Certo, non basta una mano di vernice a cancellare una divisione ben più radicata – soprattutto se il confine sa anche generare nuove esperienze, urbane e non. Basta guardare le immagini satellitari di Google Earth, che mostrano due mondi diversissimi a nord e a sud del confine: città ordinate e campi ben irrigati sul lato statunitense, irrigazione carente e sviluppo urbano impetuoso dalla parte messicana. Mondi contrapposti, che però non potrebbero esistere l’uno senza l’altro, senza lo scambio continuo che tiene in vita entrambi i lati della frontiera.

Piuttosto, è ingenuo pensare il confine come una linea impenetrabile. E infatti tanti gesti già oggi rendono i muri più permeabili di quanto si possa pensare, come mostrano queste foto raccolte dall’Atlantic: c’è chi scavalca la barriera, chi lancia dall’altra parte oggetti più o meno legali, chi organizza feste a ridosso del confine, persino chi si abbraccia nonostante l’intrusione del muro. E sono forse i gesti a poter smontare, mattone per mattone, muri che sembrano indispensabili, cambiandone radicalmente la percezione. Anche con una mano di colore.

 

Volunteers paint the border fence between the United States and Mexico to give it the illusion of transparency during the "Borrando la Frontera" (Erasing the border) Art Project in Mexicali, Mexico April 9, 2016. REUTERS/Sandy Huffaker FOR EDITORIAL USE ONLY. NOT FOR SALE FOR MARKETING OR ADVERTISING CAMPAIGNS - RTX298RL

 

Volunteers paint the border fence between the United States and Mexico to give it the illusion of transparency during the "Borrando la Frontera" (Erasing the Border) Art Project in Mexicali, Mexico April 9, 2016. REUTERS/Sandy Huffaker FOR EDITORIAL USE ONLY. NOT FOR SALE FOR MARKETING OR ADVERTISING CAMPAIGNS - RTX298SQ

ph. REUTERS/Sandy Huffaker

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

el-seed-street-art-le-caire-nuit

Il Cairo si tinge di bianco, blu e arancione
. El Seed, tra edilizia urbana e genio artistico

cover_gold

Arte contemporanea a Firenze. Dopo Jeff Koons è il momento di Jan Fabre