Lo spazio tra le case non è fatto di solo asfalto, c’è molto di più

Lo spazio tra le case non è fatto di solo asfalto, c’è molto di più

kilometroGIOCO_evidenza

Vogliamo che la gente cammini per questo percorso e si senta come nel bel mezzo di un viaggio in cui gli strumenti adatti siano i piedi e le parole. Mettersi in gioco, incontrarsi, guardare e conoscere.

Cosa significa viaggiare? Cos’è diventato oggi il viaggio? Spiagge sconfinate. Acque cristalline. Città. Monumenti. Musei. Paesi. Aerei. Treni.
Cosa metto in valigia?
No, non è solo questo.
Barcellona, Roma, Firenze, Venezia, Londra: le strade sono piene di altro.
La strada è gente, esperienze, incontri, parole, voci.
Perché viaggiare significa anche saper scendere nelle vie e lasciarsi attraversare dal calore della gente che cammina affianco a me.
Noi vogliamo questo dal nostro progetto. Vogliamo che la gente cammini per questo percorso e si senta come nel bel mezzo di un viaggio in cui gli strumenti adatti siano i piedi e le parole. Mettersi in gioco, incontrarsi, guardare e conoscere.
Lo spazio fra le case non è fatto di solo asfalto, c’è molto di più. 

Il progetto “chilometroGIOCO” prevederà un congiungimento tra Piazzale Insubria e Parco Candia passando per le vie Decembrio, una sezione di via Tertulliano, a cui segue via Einstein collegata a via Ammiano attraverso via Tito Livio. Un tragitto della lunghezza di un chilometro segnalato sul suolo dalla presenza di linee continue che vedono un colore variare nelle tonalità e nelle tematiche della zona in cui il fruitore è portato a passeggiare. L’intero playground urbano è pensato utilizzando come tema quello del viaggio, un viaggio alla scoperta della città in una zona marginale, non molto frequentata e conosciuta, ma anche un viaggio che porta alla conoscenza dell’altro, diventando i veri protagonisti nel modo più semplice e naturale possibile, il gioco.

Un viaggio che unirà spazio, foresta e deserto, andando a porre nuove aree di sosta, playground, formali e non, e un viale alberato in via Einstein.

Il persorso di chilometroGIOCO non ha un vero inizio ed una vera fine, in quanto è possibi- le affrontare il viaggio sia da Parco Candia che da piazzale Insubria. Da ambo le parti sono collocate le scritte ‘buon viaggio’ e  ‘ben arrivati’ lungo il manto stradale insieme alle fasce di colore che caratterizzano tutto il percorso. Il fronte cieco pre-esistente nell’area di progetto del play-ground viene arricchito da un murales che prende ispirazione dal viaggio del chilometroGIOCO. Ripercorre infatti graficamente il viaggio tra spazio, foresta, deserto e città, vero luogo in cui il progetto è instaurato.

 

 

BAMBINI! 

Siete stanchi dei soliti parchi gioco? Stanchi di passare pomeriggi

interi a dondolarvi su altalene o a scendere da   scivoli

ustionanti in piena estate?

GENITORI! 

Anche voi stufi di portare i vostri figli sempre nei soliti parchi giochi con l’ansia che si possano fare del male?
ChilometroGIOCO Tertulliano” è la soluzione che fa per voi!
Un percorso divertente ed educativo di un chilometro che collega il parco Marcello Candia con Piazzale Insubria attraverso semplici giochi e attività per grandi e piccini in completa sicurezza e nel rispetto della città di Milano.

playground_02

Visione d’insieme dell’area di progetto con linee guida sul suolo

playground_01 playground_03

playground_04

Il fronte cieco pre-esistente nell’area di progetto del play-ground viene arricchito da un murales che prende ispirazione dal viaggio del chilometroGIOCO. Ripercorre infatti graficamente il viaggio tra spazio, foresta, deserto e città, vero luogo in cui il progetto è instaurato. 

 

playground_evidenza

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Ma questi, chi sono? Cosa fanno? Dove stanno?

Water_Texture_Water-Wave-Painting4

La genia di Atlantide. Il fascino dell’architettura subacquea.