cover_auckland

#LightPathAKL. E’ ad Auckland la pista ciclabile più scintillante del mondo

#LightPathAKL. E’ ad Auckland la pista ciclabile più scintillante del mondo

cdog_lightpath

Il 3 dicembre 2015 è stato aperto il primo tratto della Nelson Street Cycleway, moderna pista ciclo-pedonale nel cuore di Auckland, in Nuova Zelanda. Si tratta di un progetto innovativo che, due settimane fa, è entrato nella lista dei finalisti per il World Architecture Festival, che si terrà a Berlino dal 16 al 18 novembre 2016 e durante il quale saranno annunciati i vincitori delle varie categorie: il LightPathAKL, nome ufficiale del progetto, compete nella categoria “Trasporti”.

Lo studio neo-zelandese Monk Mackenzie Architects in collaborazione con LandLAB ha progettato anche un secondo tratto di percorso che sarà completato nel corso del 2016 e che permetterà di collegare la zona sud della città con Auckland CBD, il suo cuore economico, fino a riunirsi con la pista ciclabile lungo la costa nord. La parte finora realizzata del progetto, recupera un tratto inutilizzato dell’autostrada trasformandolo nella pista ciclabile più scintillante del mondo.

La rampa, lunga 600 metri, è colorata di un rosa luminoso, scelto per segnalare la presenza di uno spazio urbano per pedoni e ciclisti che si differenzia dalla rete stradale circostante.

1_auckland-nelson-street-cycleway

Di che materiale si tratta? Il suo nome è EverGreen, della ditta neo-zelandese Resin Surfaces Ltd, azienda che dal 2009 ha già ricoperto più di 100,000 metri quadrati in Nuova Zelanda utilizzando texture colorate e rivestimenti, sperimentando molto negli ultimi anni con l’intenzione di passare dalle vecchie resine a base idrocarbonica a qualcosa di più rispettoso dell’ambiente. EverGreen è un aggregato di vetro riciclato che, quando viene mescolato con una base di resina, forma il nuovo magico strato superficiale. Al contrario di ciò che suggerisce il nome, questo materiale può essere realizzato nel colore che si preferisce. Per la realizzazione dell’opera sono state necessarie quasi 4 tonnellate di resina e 15 tonnellate di aggregato di vetro. La posa in opera del materiale EverGreen è un’operazione delicata: una volta che la resina colorata sta scendendo, c’è circa mezz’ora di tempo per stendervi sopra la sabbia scintillante; il tutto deve poi asciugare per 4-5 ore prima che sia possibile calpestarlo. Successivamente si spazza scrupolosamente a mano con scope e soffiatori, per raccogliere la sabbia in eccesso e poterla riutilizzare. Il vetro triturato e ricoperto di rosa è estremamente sottile: dato che la rampa non sarà percorsa da veicoli pesanti, è stato possibile utilizzare uno spessore adatto per il carico di pedoni e ciclisti. Questo significa che le particelle sono circa 0.5-0.8 mm, al contrario di altri composti i cui aggregati viaggiano su un ordine di grandezza di 2 mm.

A completamento del progetto ci sono 300 luci LED, che si comportano come una scultura di luce interattiva che si modifica al passaggio di pedoni e ciclisti, oltre alle opere d’arte personalizzate dell’artista intagliatore Māori Katz Maihi disposte lungo tutto il percorso.

Questo progetto è come un’arteria. E’ la parte visibile del sistema, ma le vene si ramificheranno fino alle strade locali interne“. Così dichiara Kyle Donegan, direttore generale della Resin Surfaces Ltd. Aspettiamo con curiosità di vedere quali altre parte di città verranno attivate dalla striscia rosa scintillante!

auckland

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

fonso graphic

Pokemon GO è il gioco dell’anno. Gi ingredienti della ricetta vincente

cover_lowline

Dalla Highline alla Lowline, così New York è sempre più green