La strada si snoda nella valle, tra le colline dolci e addossate

La strada si snoda nella valle, tra le colline dolci e addossate

COLLINE

La strada si snoda nella valle, tra le colline dolci e addossate. Sullo sfondo azzurro, il sottile nero dell’alta tensione fa il suo gioco ondulato: una melodia fluida scandita dal ritmo della distanza. Una catena di capannoni si allunga senza regole, nuovi e vecchi, in uso e no. I casolari più rustici, protetti da fusti altrettanto anziani, cercano di non vederne il degrado. Sopra, le linee del coltivato esplicitano i movimenti della terra, e una fantasia scientifica viaggia in profondità per scoprirne i moti più intimi. La geometria del suolo è piuttosto irregolare, appezzamenti ortogonali si alternano a piccoli boschi o alberi da frutta. La vegetazione spontanea si affolla nelle linee di confine e contamina, singolarmente o in gruppo, anche i campi coltivati. Un castello medievale, ormai senza potere, veglia sul contado. In alto, le cime dell’appenino richiamano le nuvole bianche.

Attraversiamo l’ansa di un torrente che da un po’ insegue l’asfalto.  Le spinte del terreno si fanno intense, ci avviciniamo alle montagne. Il panorama si fa incontaminato, gigantesche onde di verde si stagliano contro il cielo, spinte dalle imponenti rocce sedimentarie. Le case hanno abbandonato le tinte pastello della costa, facendosi più terrose; arroccate sugli avamposti di un tempo, si distanziano dalla vallata, circondate dalla reti di oliveti, che cerca una spazialità geometrica nel caos del boschi. In basso, una diga forma un bacino colore verde e azzurro, compromesso tra i toni circostanti. La strada non riesce più a seguire le curve della valle e perfora le colline, ma la quattro corsie termina presto, e ora marciamo sulle curve che da più tempo collegano i campanili grigi e marroni dei Monti Sibillini.

I panorami si susseguono e noi giungiamo a Preci, Lo vedo dal basso della strada, uno scorcio molto suggestivo: i toni chiari dell’intonaco e delle pietre lo rendono limpido, le pietre lo sollevano dalla collina, le persiane scure sono macchie di bosco sui muri.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Profumo che vai paese che trovi. (Ri)conoscere un luogo dal suo odore

La luce di iGuzzini che si nasconde valorizzando ciò che illumina