holcim-award-cover-home

La competizione più significativa al mondo per il design sostenibile

La competizione più significativa al mondo per il design sostenibile

lafarge_holcim-jury

Giunta alla sesta edizione, la competizione LafargeHolcim Award è sempre alla ricerca di progetti reali e idee audaci che combinino costruzioni sostenibili ed eccellenze architettoniche. 

Il concorso è diviso in cinque regioni geografiche, ognuna delle quali ha una propria giuria di esperti che valutano le candidature in base ai “Target Issues”. Questi ultimi costituiscono delle linee guida per l’edilizia sostenibile definite dalla Fondazione LafargeHolcime riguardano innovazione, trasferibilità, standard etici, inclusione sociale, efficienza ambientale e delle risorse, fattibilità e compatibilità economica, impatto estetico sull’ambiente. Particolarmente richiesti sono progetti in cui i concetti di economia circolare e la riduzione delle emissioni di CO2 rivestono un ruolo importante, e identifica pertanto le idee con il più alto potenziale per affrontare le sfide di un’urbanizzazione crescente.

Una giuria di nove esperti presieduta da Jeannette Kuo, socio fondatore di Karamuk Kuo Architects (Svizzera), valuterà le candidature al sesto premio internazionale LafargeHolcim per la regione Europa.

Le cinque giurie, una per ogni regione, sono composte da rinomati esperti di architettura, ingegneria e progettazione e sono ospitate dalle Università associate e coordinate dal Comitato accademico della Fondazione LafargeHolcim.

In Europa, la giuria comprende Jeannette Kuo, nonché Kristiaan Borret, capo architetto della regione di Bruxelles-Capitale (Belgio); Nuno Brandão Costa, fondatore di Brandão Costa Arquitectos (Portogallo); Eva Pfannes, direttore di Ooze Architects (Paesi Bassi); Sergei Tchoban, capo dello studio di architettura SPEECH e Managing Partner presso Tchoban Voss Architekten (Russia / Germania); e Alexandre Theriot, socio fondatore e architetto di BRUTHER (Francia / Svizzera).

La giuria sarà completata da membri del comitato accademico della Fondazione LafargeHolcim Marilyne Andersen, professore di Tecnologie per l’edilizia sostenibile, Istituto federale svizzero di tecnologia di Losanna (Svizzera) e Dirk Hebel, professore di Edilizia sostenibile, Karlsruher Institut für Technologie (Germania), insieme a Christophe Levy, direttore di R&D Construction Solutions, in rappresentanza del Centro di innovazione LafargeHolcim (Francia).

Ospitata dall’Istituto Federale Svizzero di Tecnologia di Losanna (Svizzera), un’università associata della Fondazione LafargeHolcim, la giuria classificherà le domande utilizzando i cinque “temi target” per l’edilizia sostenibile: copertura dell’innovazione e trasferibilità (progresso), standard etici e inclusione sociale (persone), prestazioni in termini di risorse e ambiente (pianeta), fattibilità e compatibilità economica (prosperità) e impatto contestuale ed estetico (luogo).

Il concorso è aperto fino al 25 febbraio 2020 e riconosce progetti e concetti di architettura, ingegneria, pianificazione urbana, scienza dei materiali, tecnologia di costruzione e campi correlati.

Una guida completa “Step-by-step” spiega i criteri di valutazione e illustra come partecipare al concorso su www.lafargeholcim-awards.org

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

cover_lego

Ufficio o asilo nido? La moda di bambinizzare gli spazi di lavoro