HOT&COLD

Nell’ambito del Salone Internazionale del Mobile di Milano – Fuori Salone, Fabrica, il centro di ricerca sulla comunicazione di Benetton Group, e Daikin Italy, filiale italiana della multinazionale giapponese leader mondiale nei sistemi di climatizzazione, presentano HOT&COLD, un coinvolgente laboratorio di esperienze tra caldo e freddo allestito dall’8 al 13 aprile 2014 presso Garage Milano in via Maiocchi 5/7 a Milano. “Per questo progetto abbiamo inteso il design come pratica che deve comunicare attraverso forma e funzione. Un dialogo tra opposti che rappresenta il particolare modus operandi di Fabrica, un luogo dove giovani talenti provenienti dai quattro angoli del pianeta si confrontano costantemente attraverso progetti con una lettura universale. Un design che, partendo dall’oggetto, si protende verso il suono, la grafica e l’interattività.” Sam Baron, direttore dell’area design di Fabrica.

Flora | Diverse piante tropicali sono custodite nel ghiaccio e diventano simboli enigmatici del contrasto caldo e freddo. Con lo sciogliersi del ghiaccio, l’acqua si deposita in un recipiente di vetro rivelando lentamente le piante esotiche e creando un dialogo poetico tra caldo e freddo, che cambia lentamente con il passare del tempo. Le piante cosiddette succulente riescono a trattenere l’acqua anche con temperature di 52°C.

hot&cold_flora

Flow | I fenomeni climatici sono legati a condizioni termiche estreme. I comportamenti scientifici di queste diverse manifestazioni della temperatura vengono rappresentati come diagrammi di luce proiettati nel ghiaccio e sono presentati su piedistalli come reperti di laboratorio. Normalmente il punto di ebollizione dell’acqua è 100°C, ma gli eventi atmosferici giocano un ruolo in questo cambiamento di stato, in particolar modo ad altitudini elevate e in ambienti di bassa pressione. L’acqua bolle a 95°C a Denver, Colorado, che si trova a circa 1700 metri sopra il livello del mare.

hot&cold_flow

Aroma | Aroma usa il sistema olfattivo per evocare esperienze legate alla temperatura. Sei campane di vetro diffondono oli essenziali appositamente creati per potenziare le associazioni con il caldo e il freddo. Le fibre nervose che segnalano il caldo e il freddo sono sensibili anche al mentolo, un ingrediente della menta. Negli esseri umani il centro del cervello è da 0,5 a 1°C più caldo dello spazio epidurale.

hot&cold_aroma

Migration | Una serie di sculture cinetiche rappresenta stormi di uccelli migratori che si muovono tra i climi caldi e freddi. Le cinque installazioni utilizzano piume decorate a mano e dotate di un piccolo motore per comunicare il rituale di ogni specie, caratterizzato da altezze, dimensioni di stormi e distanze diverse.

hot&cold_migration

Cascade | Cascade si ispira al cambiamento di stato da solido a liquido dovuto alla temperatura e rappresenta il momento in cui una cascata ghiacciata si risveglia dal gelo e comincia a scorrere e gocciolare. Le due installazioni utilizzano un sensore per attivare delle eliche che simulano un torrente di gocce di vetro. L’acqua che scorre veloce in una cascata gela in modo diverso dall’acqua stagnante. Nella cascata l’acqua mescola di continuo le sue gocce e si raffredda al di sotto della sua temperatura di solidificazione.

hot&cold_cascade

Cavern | Una caverna di ghiaccio, tempestata di stalattiti di vetro, si illumina dall’interno quando qualcuno si avvicina. La luce proiettata sul vetro suggerisce la presenza di un fuoco, che trasforma una grotta fredda e inabitabile in un luogo di caldo conforto primordiale. Nelle culture stanziali la caverna e il fuoco erano la fonte essenziale di sopravvivenza.

hot&cold_cavern

Solar | Venere e Nettuno sono rispettivamente il pianeta più caldo e più freddo del sistema solare. Orbitando intorno al Sole, emettono suoni atmosferici che vengono registrati dalla NASA. L’installazione Solar mixa insieme questi suoni facendone il punto focale di un’installazione orbitale in larga scala, che coinvolge il pubblico con la luce, l’acustica e il movimento dei pianeti. Il pianeta più freddo e più distante nel nostro sistema solare, Nettuno, è 663°C più freddo di Venere con una temperatura media di -201°C.

hot&cold_solar

Air | All’aria apparentemente intangibile che ci circonda sono date forma e presenza attraverso il calore di una lanterna a olio che brucia lentamente, annerendo l’interno di lettere in vetro borosilicato — rendendo visibile l’invisibile. Il vetro borosilicato ha coefficienti estremamente bassi di espansione termica, il che lo rende resistente alle alte temperature. Un mastro vetraio deve lavorare il materiale con una fiamma il cui calore è superiore a 1200°C.

hot&cold_air

MOSTRA | Fabrica per Daikin

INIZIATIVA | Marco Dall’Ombra

DIREZIONE CREATIVA | Sam Baron

DIREZIONE ARTISTICA | Catarina Carreiras

FOTOGRAFIA | Shek Po Kwan

 

hotandcold.org

fabrica.it

daikin.it

hot&cold_ultima

 

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

ucloud_fotoverde

U_CLOUD #fuorisalone

puzzle-facade-evidenza

Puzzle Facade