cover_flybike

Gi Fly-Bike, la bici elettrica che si richiude in un secondo

Gi Fly-Bike, la bici elettrica che si richiude in un secondo

Nasce da un’idea di tre amici, Luca Toledo, imprenditore, Agustìn Agostinoy, industrial designer e Eric Sevilla, business guru. Gi Fly-Bike, una bici elettrica leggera (17 kg), facile da usare con una tecnologia integrata di connessione GPS che consente anche di ricaricare il cellulare. Ma soprattuto la bici, in un solo secondo, si richiude su se stessa occupando poco spazio e offrendo dunque la possibilità di metterla da parte quando non la si usa.

Dopo aver vissuto l’esperienza di uno sciopero dei mezzi pubblici in Argentina, che Luca, Agustìn ed Eric ricordano come traumatica e paralizzante per la città, i tre decidono che è giunto il momento di agire: creare un mezzo che restituisca ai cittadini la libertà di movimento a prescindere dalle condizioni del trasporto pubblico. Pensano, giustamente,alla bici. Esiste da 200 anni e non è mai passata di moda.

Il risultato è un concentrato di tecnologie e materiali riciclati.

flybike_01

E’ una bici elettrica che l’utente decide di utilizzare con pedalata assistita oppure con una ricarica di batteria che dura fino a 60 km raggiungendo una velocità di 25 km/h. L’energia accumulata durante una pedalata, può essere utilizzata per la ricarica del telefono. Al suo interno è integrato il  sistema “Fly Folding System” che in un singolo e rapido movimento consente di richiudere la bici nel momento in cui non la si utilizza. Gi Fly-Bike è, inoltre, smart come ogni moderno telefono: ha una connessione GPS e attraverso un’app, mostra il percorso più conveniente, da informazioni sul tipo di terreno (pendenza, accidentato, rettilineo, ecc) e  “blocca” la bici quando ci si allontana da questa per più di 5 metri.

Luca Toledo, Agustìn Agostinoy e Eric Sevilla hanno lanciato una campagna di crowdfunding su kickstarter per finanziare il progetto.

flybike_02

flybike_03

 

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

cover_snohetta

L’artificiale camuffato da naturale. La proposta di Snohetta di un tunnel tra i fiordi

cover_zebra

Arrivano in Spagna le strisce smart, in Italia erano state testate già nel 2009