cover_gomorra

E se Gomorra desse una nuova speranza alla periferia?

E se Gomorra desse una nuova speranza alla periferia?

gomorra_prima

E se Gomorra ridesse speranza alle periferie? Penso a questa provocazione poco dopo aver terminato la seconda stagione della celebratissima e criticatissima serie di Sky, che a un grande successo di pubblico ha fatto seguire un altrettanto vivace dibattito sul racconto che viene fatto della camorra. Da una parte, gli entusiasti per una serie ben fatta che (finalmente) riesce ad uscire dai confini di casa nostra; dall’altra, i perplessi per un racconto a tinte forti, che sceglie di raccontare la camorra puntando sulla violenza e con un male totalizzante.

È vero che in Gomorra mancano figure positive e, in generale, una qualsiasi alternativa alla camorra. La Scampia della serie è quasi lo stereotipo del degrado, in cui si concentrano abusivismo, segregazione, e soprattutto criminalità. La presenza imperante della camorra è, al tempo stesso, causa e conseguenza del degrado che si è impossessato degli spazi e delle persone: in un sistema lasciato a se stesso, la criminalità organizzata dà una parvenza di (perverso) ordine. Il degrado fa rivolgere alla camorra, e la camorra non può esistere senza degrado. Quella di Gomorra è un’immagine a tinte molto forti, che come detto tende a lasciare fuori molte sfumature – soprattutto i segnali positivi che sappiamo esserci anche in realtà tanto tormentate. Ma il racconto fatto dalla serie descrive perfettamente la periferia come un mondo a sé, con le sue persone, i suoi paesaggi e soprattutto le sue regole. Un mondo in cui da fuori quasi non è possibile entrare.

E se proprio la mancanza di alternative ci costringesse a pensare (e a costruire) nuove alternative, in grado di entrare nel piccolo mondo soffocante di Gomorra? Negli ultimi anni, si è fatto un gran parlare di periferie: periferie esistenziali, periferie dell’anima, ma anche, più semplicemente, periferie urbane. Renzo Piano ha persino usato il proprio incarico di senatore a vita per promuovere un progetto dedicato al “rammendo delle periferie”, dagli alterni risultati. Eppure, nonostante tanta animazione a parole, il tema non è davvero entrato nel dibattito pubblico. Rimane la pluralità delle periferie e dei loro problemi, che spesso si combinano in modi diversi: mancanza di servizi, scarsità di case, degrado ambientale, disoccupazione, segregazione, criminalità… e che non mancano di farsi sentire, con voti di protesta e con proteste vere e proprie, talvolta anche violente (basta pensare a quanto successo in alcune borgate romane, ancora qualche mese fa).

Pinto_Salias_1_Contexto

Pinto_Salinas_6_Nocturno
Pinto Salinas, Las 3 Marías / Caracas [Oficina Lúdica + PKMN pacman]. ph. PICO Estudio

Serve allora un nuovo impegno nei confronti delle periferie. Le soluzioni ai problemi delle città non sono mai uniche né semplici da definire, ma non per questo si può distogliere lo sguardo quando ne viene raccontato il male. Per questo è emblematica la sigla finale di Gomorra, in cui i rapper Ntò e Lucariello cantano Nuje Vulimme ‘na Speranza. Quella speranza non può nascere da sola. Ha bisogno che le iniziative che dal basso provano a cambiare qualcosa non rimangano sole e anzi vengano coinvolte sempre più nella definizione di nuove soluzioni alle questioni delle periferie. Ha bisogno che si guardi nuovamente a questi quartieri, magari prendendo ad esempio i tanti casi che, nel Nord e nel Sud del Mondo, mostrano come anche le trasformazioni urbane più impensabili possano accadere. Soprattutto, ha bisogno che questi non rimangano i problemi di qualche quartiere sfortunato, ma diventino la priorità di una collettività che, insieme, può pensare di affrontarli. Per questo, forse anche il racconto a tinte forti fatto da Gomorra può servire a smuovere qualche coscienza al di fuori di Secondigliano.

4d3e4da92bd1e8fa5675f379f6f1cccf

Il progetto Espacios de Paz in Venezuela attraverso una progettazione partecipata ha ristabilito la pace in una delle aree più violente del paese.

pulse park

tumblr_mxfwqsulR31qadf3to4_1280

tumblr_mxfwqsulR31qadf3to2_1280

Pulse Park by CEDRA in Danimarca, ha riprogettato uno spazio ai confini della città e ha connesso due quartieri molto diversi tra di loro creando uno spazio per il gioco.

 

 

In apertura, ph. Emanuela Scarpa

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

cover_burglar

Burglar’s guide to the city. Come è vista l’architettura da un ladro d’appartamento

cover_pattern

Potrei ma non voglio. Le infinite possibilità a cui rinunciare nella vita in città