Whitney-Bag-Renzo-Piano-5

Dalla borsetta alla città. Ma quanto è di moda Renzo Piano

Dalla borsetta alla città. Ma quanto è di moda Renzo Piano

Whitney-bag-scritte

Alla fine non ce l’ha fatta. Negli ultimi mesi glielo ripetevano tutti in studio: dai su, resisti… Come, anche lei senatore… Ma quando parliamo di moda, parliamo del grande mercato della seduzione (non solo dei clienti, a quanto pare). Nessuno può resisterle, neanche Lui.

Dopo gli anelli e i bijoux di Massimiliano o Gaetano, le scarpe di Zaha o di Rem, la pochette di Frank e le maglie in cachemire di Philippe, ecco la bella borsetta del nostro Renzo, prodotta da Max Mara.

Disegnata per l’inaugurazione del Whitney Museum di New York, la Whitney Bag é naturalmente destinata a diventare presto “un’opera d’arte” e infatti alla sua presentazione c’era “tutta la NY colta e cool” (irresistibili i virgolettati dal Corriere dela Sera…). L’oggetto in questione dicono non sia proprio di lusso (1700 € sono davvero alla portata di tutti, giusto?) e il nostro orgoglio nazionale tiene a rassicurarci che no, non sta meditando di cambiare mestiere, che la parentesi fashion si apre e si chiude qui.

 

[SOTTO] La Whitney Bag rievoca le nervature della facciata del nuovo Whitney Museum di Piano

 

whitney-museum-renzo-piano

 

Ma che c’é di male poi?
La “moda é architettura” diceva Coco Chanel, “é tutta una questione di proporzioni”. E in effetti, così è in alcuni casi. La ricerca formale e la sperimentazione dei materiali nel caso di Koolhaas e Hadid, per esempio, sono evidenti; mini-architetture hi-tech affrontano con un linguaggio nuovo il comfort degli arti che piú stressiamo meccanicamente.
La Whitney bag, pur con il dettaglio delle “nervature che ricordano quelle del nuovo museo” e la cura meticolosa dei particolari – vorrei pure vedere – ci sembra davvero ordinaria: non l’innovativo esercizio di stile che ci saremmo aspettati da uno come lui quanto l’ultimo dei must have della signora bene (colta e cool naturalmente).

Forse non proprio l’idea piú brillante per uno sperimentatore e, ultimamente, sensibile rammendatore di periferie.

zaha-hadid-boot

Zaha-viola

Zaha Hadid per Lacoste, 2009

 

3D-Iris-van-Herpen-Koolhaas

Stampa 3D per le scarpe di Rem Koolhaas e Iris van Herpen per United Nude, 2013

 

island-jewels-for-short-stories-2-1735

Anello di Massimiliano e Doriana Fuksas per Sicis

 

Jean Nouvel

Le Ruco Line di Jean Nouvel, presentate alla Milano Design Week del 2013

 

Gaetano-Pesce

Gli anelli Ribbon di Gaetano Pesce per Fish Design, 2012

 

large_ballantynevs1_28e23

Il cachemire contemporaneo di Philippe Starck per Ballantyne, 2009

 

 

ghette Frank Gehry
I tradizionalissimi stivaletti di Frank Gehry (ma siamo sicuri li abbia visti?) per J.M. Weston, 2009

 

22676806_148755_ED

Frank Gehry (più credibile in questo caso) per Tiffany, 2007

 

 

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

HouseForTrees_Evidenza

House for Trees

Schermata-2015-04-30-alle-12.44.53

ENSIBS in Lorient by ANMA