CINI BOERI

Cini Boeri, laureata al Politecnico di Milano nel 1951, dopo un breve stage nello studio di Giò Ponti, inizia una lunga collaborazione con Marco Zanuso. Intraprende la propria attività professionale nel 1963, occupandosi di architettura civile e disegno industriale.

Progettando la gioia”, la mostra presentata da Spazio FMG a cura di Luca Molinari, ripercorre le tappe più importanti della carriera di Cini Boeri attraverso un percorso espositivo completato da una videata e dalle creazioni che l’hanno resa una della maggiori interpreti del design industriale italiano: da BOBOrelax,  poltrona per tre diverse funzioni progettata per Arflex nel 1967 a GHOST,  seduta in vetro prodotta da Fiam nel 1987.

ciniboeri_04

GHOST Fiam,1987 | Poltrona in vetro curvato

ciniboeri_05

BOBO, BOBOLUNGO E BOBOLETTO Arflex, 1967 | Tre diverse sezioni in schiume poliuretaniche a diversa densità per tre diverse funzioni | ph. Masera

In un percorso che si snoda tra il design e l’architettura, tra i progetti in mostra “Casa nel Bosco”, Osmate (1969), abitazione progettata e realizzata in modo da evitare l’abbattimento degli alberi circostanti, “Casa la sbandata”, La Maddalena (2004), le cui aperture sono state studiate privilegiando le viste migliori sul golfo, “Appartamento su tre livelli”, Milano (2006) al cui interno si sviluppa una libreria attraversata da un neon azzurro che si estende verticalmente su tutti e tre i piani.

ciniboeri_01

Appartamento su tre livelli, Milano 2006

ciniboeri_02

Casa La Sbandata, La Maddalena 2004

ciniboeri_03

Casa nel bosco, Osmate 1969

In MOSTRA dal 12/11 al 06/02

spaziofmg.com

You Might Also Like

2 Comments

Leave a Reply

casa_01

La casa del III millennio

thenumber6_01

The Number 6