Il TIRPITZ è un museo invisibile

02-Tirpitz_002-Copyright-Fotograf-Mike-Bink

ph. Mike Bink

All’interno dello storico bunker della seconda guerra mondiale di Blåvand, nella costa sud occidentale danese, nasce il Tirpitz Museum, un museo invisibile. Il TIRPITZ trasforma ed espande la costruzione originaria. E’ composto da quattro aree espositive all’interno in una singola struttura di 2.800 m2 e prevede di accogliere circa 100.000 visitatori ogni anno. Il museo è un’intersezione tra una serie di tagli netti nel paesaggio. Contrariamente alla costruzione originaria, rigida e intrusiva – semplicemente progettata come un immenso blocco di calcestruzzo – il TIRPITZ si inserisce delicatamente nella duna e si confonde con il paesaggio circostante. All’arrivo, i visitatori vedranno prima il bunker, avvicinandosi si accorgeranno dei tagli e delle tracce che conducono verso il centro del Museo.Read More

M89 Hotel. La struttura shed di matrice industriale in chiave contemporanea

M89_prima

Di fronte c’è la sequenza ritmata dei volumi in mattoni dell’ex fabbrica Caproni, con le loro coperture a shed e quel fascino di archeologia industriale: l’M89 Hotel, nuova destinazione quattro stelle situata al civico 89 di via Mecenate, si affaccia sui capannoni che un secolo fa ospitavano una delle più grandi realtà dell’aviazione e che ora sono divenuti sede di Gucci, a seguito di un meticoloso intervento di recupero e ampliamento elaborato da Piuarch.Read More

Milano ARCH WEEK dal 12 al 18 giugno 2017

milano-arch-week-_prima

Sta per decollare la settimana di Architettura promossa da Comune, Politecnico e Triennale. Milano Arch Week, la settimana di eventi dedicati all’architettura con la direzione artistica di Stefano Boeri, sarà caratterizzata dalla presenza di grandi protagonisti della scena internazionale. Read More

Il progetto della grande distribuzione. L’architettura di Piuarch per Coop.fi

Coop-Arezzo_prima

Un iconico landmark urbano, ma anche un contenitore sostenibile per un’esperienza evoluta di shopping: il nuovo CENTRO*Arezzo Coop.fi si svincola dai dettami concettuali del tradizionale centro commerciale per proporsi come polo di socialità e di svago perfettamente integrato con la città. Il complesso, aperto nel 1988, è stato infatti sottoposto a un’importante riqualificazione estetica e funzionale che ne ha completamente modificato l’identità e la relazione con l’ambiente circostante. Il progetto di Piuarch, incaricato da Unicoop Firenze, si sviluppa a partire dalla ripetizione della forma cerchio, motivo cardine del logo della società, e dall’idea di un nastro fluido e tridimensionale, che diventa ora prospetto, ora invece percorso distributivo tra le differenti funzioni. Sono coinvolti, in questo concept, una pluralità di elementi: l’involucro, caratterizzato da una dualità cromatica e compositiva, si coniuga alle rinnovate modalità di fruizione dell’edificio, arricchito nella proposta commerciale e nella più ampia offerta di aree di sosta e interazione dedicate soprattutto ai bambini.Read More

Milano: 64 studi di architettura si aprono al pubblico. Il lancio di ‘Il tuo architetto, istruzioni per l’uso’

iltuoarchitetto_01

Tra venerdì 26 e sabato 27 maggio, 64 studi di architettura Milanesi – dalle archistar ai giovani emergenti – aprono le porte al pubblico simultaneamente, offrendo consigli e informazioni tra mostre, cocktail, eventi artistici e bicchierate in cortile. La soddisfazione dell’Ordine Architetti, che per l’occasione lancia anche la guida ‘IL TUO ARCHITETTO, istruzioni per l’uso’. Milano. 600 studi in 82 Province italiane il 26 e il 27 maggio apriranno – per la prima volta in contemporanea – ai cittadini. Oltre il 10% nella sola Milano. Questi i numeri della prima edizione di ‘Open, Studi Aperti’, una iniziativa del Cnappc promossa anche dall’Ordine Architetti Milano che ha l’obiettivo di avvicinare i cittadini agli architetti, farne comprendere il valore professionale, le competenze, i ‘segreti’ del mestiere e, perché no, far nascere nuove amicizie o avviare future collaborazioni.Read More

Tokujin Yoshioka per LG. “S.F. Senses of the Future illumina la Milano Design Week

LG-and-Tokujin-Yoshioka-Milano-Design-Week-Release-001

TOKUJIN YOSHIOKA x LG: S.F Senses of the Future è una festa per i sensi e offre ai visitatori uno sguardo su cosa riserva il futuro grazie all’unione della tecnologia d’avanguardia di LG con le innovative tecniche sperimentali di design di Tokujin Yoshioka. Una parte dell’installazione trasmette speranza per il futuro attraverso un oggetto di uso comune – S.F chair. Non sono sedie ordinarie, ma sono quasi un oggetto da fantascienza. Sono state create, ad arte, diciassette S.F chair impiegando schermi LG OLED. Le sedie trasmettono sia una sensazione di staticità che di dinamismo, grazie a flash di luce emessi da doppi pannelli, che richiamano la velocità fulminea dello scorrere frenetico della vita moderna. I visitatori avranno la possibilità di sedersi su S.F chair, sperimentando la futura tecnologia display.Read More

Stefano Boeri e la Design Week 2017

urban-hugs_stefano-boeri

Durante i giorni del Salone del Mobile e del Fuori Salone 2017, Stefano Boeri presenta tre importanti progetti, tre idee per cambiare lo spazio domestico, lo spazio pubblico e lo spazio urbano. Tre progetti diversi per dimensione e contesto di utilizzo, ma accomunati dall’ambizione di migliorare la vita e la qualità delle interazioni nella metropoli contemporanea. Una metropoli quella di Stefano Boeri dove i percorsi, le tracce, le traiettorie nella loro articolata coreografia si organizzano appropriandosi dell’ambiente che non più un qualunque spazio ma diviene il proprio spazio. Read More

Una nuova chiesa green per Salerno. Come riscrivere il glossario delle architetture religiose

chiesa-green-salerno_prima

Ventilazione naturale, sistemi passivi, coperture riflettenti, pavimentazioni traspiranti prendono il posto di navata centrale, abside, protiro e transetto perché l’architettura sacra oggi può avere accesso ai caratteri degli edifici più tecnologicamente evoluti. Nasce così a Salerno, grazie ad finanziamento CEI di 4.5 milioni e su progetto di Luigi Centola&Associati e Overtel, un nuovo complesso parrocchiale ecosostenibile che riduce al minimo l’impronta ecologica. L’innovazione e la tecnologia colmano il gap tra il sacro e il profano ed è compito del progettista renderle accessibili a l’uno e all’altro. E poi si sente sempre il bisogno di aggiungere gli aggettivi sostenibile e green alle parole edificio e costruzione: non dovrebbero essere questi valori sottendibili alla base di ogni progetto?

Read More

Il Bosco Verticale di Stefano Boeri nel documentario dei record di BBC

bosco-verticale_prima

Dopo il grande successo di pubblico e critica della prima serie del documentario di BBC, «Planet Earth II» è tornato quindi ad esplorare il Pianeta concentrando l’attenzione su isole, montagne, giungle, deserti, praterie e, per la prima volta, città. «Planet Earth II» è stato presentato in anteprima alla stampa in alcuni spazi privati al 14° piano del Bosco Verticale, l’edificio ideato da Boeri Studio che il Council on Tall Buildings and Urban Habitat ha definito il «grattacielo più bello ed innovativo del mondo».In una delle puntate di «Planet Earth II», infatti, quella dedicata alle città, il Bosco Verticale di Stefano Boeri appare quale ideale mix tra sostenibilità e vivibilità. Produttore dell’episodio – giunto appositamente dalla Gran Bretagna per la preview – il wildlife filmmaker di BBC Fredi Devas. Con lui, per parlare dell’impegno produttivo di BBC, Andre Renaud, vice presidente Sales TV & Digital Italia e Spagna di BBC Worldwide.Read More