cover_traffic

Le code stradali sono patrimonio dell’umanità: contro il traffico, il Belgio usa l’ironia

Le code stradali sono patrimonio dell’umanità: contro il traffico, il Belgio usa l’ironia

Contro il traffico serve anche l’ironia. Così il Belgio, paese piatto con qualche crisi d’identità, ha proposto di tutelare le proprie code stradali come Patrimonio dell’Umanità, riconosciuto dall’Unesco. L’iniziativa sembra seria: sul sito fiersdenosfiles.be (o, per chi vuole avventurarsi nel fiammingo, fileszijnerfgoed.be), un curatissimo video racconta la bellezza del traffico belga. “Guardate questa antica strada romana. Pura poesia”, dice il protagonista, mentre una coda di auto scorre sul selciato millenario. O ancora, la dolcezza dei gas di scarico viene decantata nell’ora che volge al disìo, mentre le luci delle auto si perdono nel crepuscolo.

Oltre al video e al sito, la campagna utilizza anche tradizionali cartelloni pubblicitari. Ad esempio, nei nodi autostradali più affollati sono stati installati i tipici pannelli marroni che segnalano le attrazioni turistiche, solo che al posto di cattedrali gotiche o architetture industriali si pubblicizzano, ancora una volta, gli ingorghi.
La campagna è un’intelligente iniziativa delle SNCB, le ferrovie belghe. Subito dopo il video e la petizione da mandare all’Unesco, il treno viene proposto come valida alternativa di trasporto, proponendo anche incentivi per i datori di lavoro che ne promuovano l’uso. Tanta ironia in parte si è ritorta contro le stesse SNCB, visto che una petizione simile è stata promossa per tutelare i cronici ritardi delle ferrovie belghe; ma almeno, una volta tanto si parla di mobilità sostenibile con intelligente ironia, invece che con il linguaggio apocalittico dei soli blocchi del traffico.
Del resto, l’ironia si addice al Belgio, paese povero di grandi monumenti che ad oggi conta 12 siti tutelati dall’Unesco; ma anche in Italia, accanto ai nostri 51 siti protetti, gli ingorghi stradali non sfigurerebbero come nuovo Patrimonio dell’Umanità.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Andy-Gilmore-HD-Wallpapers-6

Lavorare con la natura si può, eccome!

cover_plant

La foresta galleggiante sul Rijnhaven a Rotterdam sarà inaugurata il 16 marzo