Andy-Gilmore-HD-Wallpapers-6

Rimozione forzata delle opere d’arte di Clet Abraham a Firenze

Rimozione forzata delle opere d’arte di Clet Abraham a Firenze

clet_prima

New York, Parigi e recentemente anche Hong Kong, sono alcune tra le più famose città i cui cartelli sono stati “ritoccati” dall’artista francese Clet Abraham, ma è nei capoluoghi toscani che esprime maggiormente la sua arte e trova anche la maggior parte dei problemi.

Firenze, sede del suo studio, è la città che vanta il maggior numero di sue opere, che spaziano tra modifiche e vere e proprie installazioni, ma è anche la città che con più fatica accoglie le sue creazioni, sanzionandolo con multe e processi. Emblematico è il recente caso del suo “Ladro di regole”, opera affissa ad un divieto di transito in seguito alla rimozione – è il proprio il caso di dirlo – forzata di una sua precedente opera.

clet_05

Accusato di atto vandalico e di aver “imbrattato” la segnaletica, l’artista è fermamente convinto che “Imbrattare nel vocabolario italiano vuol dire sporcare, macchiare, insudiciare e riferito alle tele è sinonimo di pittura mediocre. La mia arte, invece, è fatta di ricerca artistica. Pagare questa multa (la polizia di Pistoia gli ha recapitato una multa di 2112,60 euro) vorrebbe dire riconoscermi in questa accusa”. In questo caso, ma anche in altre situazioni simili, l’accusa dell’illeggibilità del cartello non sussiste poiché, come lui stesso da esperto di comunicazione sottolinea,  il messaggio non è intaccato.

Clet rimarca, invece, la cattiva amministrazione di talune città che decidono di rimuovere le sue opere (magari rivendendole) per rivendicare la propria autorità, senza però prestare servizio alla comunità sostituendo i cartelli. L’Italia e in particolare Firenze dovrebbe riflettere sui limiti e le potenzialità della fusione tra arte e quotidianità, così come è stato fatto nel comune di Dicomano e a Parigi, dove  ha curato parte della segnaletica o a Figline Incisa Valdarno dove è stato chiamato a fare lezioni di educazione stradale.

La sua produzione ha quindi a cuore la cura e la bellezza dei luoghi, mantenendo comunque la leggibilità a volte indispensabile per il corretto funzionamento: Clet vuole far tornare a sorridere la città, come ha fatto a Siena.

clet_04

clet_03

clet_02

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

skate_cover

Lo street-artist Okuda San Miguel ha trasformato una chiesa storica in uno skate park

fonso graphic

Fratelli Branca e Orticanoodles insieme per il restyle della storica ciminiera della fabbrica