fiori-neri

Quando l’architettura cambia pelle

Quando l’architettura cambia pelle

Pavè

“L’ornamento è delitto”, dichiarava senza mezze misure Adolf Loos all’inizio del Novecento, e tutti noi siamo figli di quel divieto. Ogni orpello, ogni decorazione, ogni piccolo fregio è stato a lungo bandito dall’architettura come un inutile sovraccarico di cui liberarsi. Per decenni abbiamo coltivato il mito di un’architettura bella perché vera, rivelatrice di forme, strutture, reti di servizio. L’ornamento e la decorazione, la cura dei colori e dei dettagli è stata relegata all’interno degli edifici, dove si sono moltiplicati gli stili, i linguaggi, le sperimentazioni.

Con un’operazione progettuale di sovversione, oggi è sempre più frequente veder rovesciato sull’esterno dell’edificio un tipico linguaggio dell’interno, reinterpretato, modificato, adattato affinchè torni ad essere linguaggio adatto allo spazio pubblico.

La pitturazione creativa delle superfici così come le nuovissime carte da parati da esterni mutuano il proprio disegno ora dall’iconografia dei murales urbani, ora da pattern geometrici o floreali fino ad arrivare alle soluzioni più minimali di sottolineatura di forme e volumi. Non sono operazioni registrabili alla voce “street art” perchè non emerge il tratto distintivo dell’autore ma non sono neanche Architettura disegnata, perchè non hanno tale presunzione.

pack1

Spin

pack5

pack3

Walldeco-Casa-Tamarit

pack4

Anche quando mimetiche – perchè richiamano marmi o mattoni – questi decori non sembrano avere un intento di camuffamento. Dichiarano con leggerezza e con un pizzico di ironia come possano essere belle le architetture che cambiano pelle, che giocano con il proprio rivestimento, con la precarietà e l’ambiguità di un capo d’abbigliamento da indossare spigliatamente anche solo il tempo di una stagione.

Forse davvero con costi contenuti e con facili interventi, si potrebbe regalare bellezza o anche solo un po’ di carattere anche a scatole edilizie più mediocri e obsolete? Il tempo lascia i suoi segni anche sulle architetture più durevoli, forse imparare a mutare pelle può diventare uno stimolo creativo da cogliere.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

HM-seul-scala-1

E’ di Universal Design Studio lo style di tutti i flagship store H&M nel mondo

justmagazine

La Newport Street Gallery a sud di Londra è il nuovo spazio espositivo di Damien Hirst