A Quito si decide il futuro delle città. Ma quanto è nuova la Nuova Agenda Urbana?

habitat_1

A Quito si deciderà il futuro delle città mondiali per i prossimi decenni: tra pochi giorni la capitale dell’Ecuador ospiterà Habitat III, incontro su abitare e sviluppo urbano sostenibile promosso dalle Nazioni Unite. Al termine dell’evento, verrà adottata la Nuova Agenda Urbana, che nelle parole dell’Onu dovrà essere “un documento orientato all’azione, che definirà obiettivi globali per ripensare il modo in cui costruiamo, gestiamo e viviamo le città”. Un documento ambizioso, specialmente per il tentativo di rivolgersi indifferentemente a qualsiasi luogo del mondo – da Lagos alla Rust Belt, da Londra all’ultimo villaggio di pescatori di Kiribati. Cosa propone di nuovo la Nuova Agenda Urbana delle Nazioni Unite? Per scoprirlo, da qualche giorno è stato reso disponibile il documento che verrà adottato ufficialmente a Quito.

Read More

Presentato a Venezia un film-documentario su Rem Koolhaas

Alla 73esima mostra del cinema di Venezia, è stato presentato (sezione Fuori Concorso) il film-documentario sulla vita di Rem Koolhaas. Una pellicola biografica, diretta dal figlio della archistar, Tomas, che racconta i progetti nelle città di New York, Doha, Rotterdam, Pechino e Venezia. Scorci urbani in un “viaggio incredibilmente umano sull’essere, a livello filosofico, e sul mondo in cui viviamo insieme”. Read More

Un Apple Store e una piazza Liberty

applestore_istanbul

Via il cinema Apollo, entra il colosso di Cupertino. Unica certezza è la firma, quella dello studio di Norman Foster. Secondo quanto riporta il Corriere della sera una scalinata dolce si aprirà nella piazza e scenderà otto metri sotto terra aprendosi su un grande schermo, il parallelepipedo con le cascate d’acqua, alto sette metri, svetterà oltre la cornice dei vecchi palazzi e sarà visibile a chi da piazza Duomo imbocca corso Vittorio Emanuele. La scalinata prenderà l’intera piazza, nelle intenzioni consentirà di mantenere l’uso pubblico (perpetuo), in base alla convenzione siglata nel 1954 tra il Comune e i proprietari dell’edificio che ancora per poco ospita il cinema Apollo e domani sarà sede dello store. Resterà un contorno perimetrale profondo circa 6 metri, abbastanza per convivere con i dehors.Read More

Partiture di facciata contemporanee nel progetto dello Studio 5+1AA per il nuovo Headquarter BNL di Roma

bnl_02

Sostenibilità, innovazione e funzionalità sono gli elementi chiave della nuova sede BNL Paribas di Roma: elevati standard funzionali ed energetici per ridurre l’impatto ambientale ed i costi di gestione, spazi e servizi per i dipendenti, con aree dedicate alla formazione, ristorante aziendale, un asilo nido, un’area fitness, un auditorium e un parcheggio interrato.

Read More

Dov’era, com’era. Quando il terremoto distrugge tutto, anche il senso critico

cavebianche_01

Slogan facile e condivisibile da tutti. Peccato che imponga tempi di ricostruzione a quindici – venti anni e, per citare Renzo Piano, due generazioni per mettere in sicurezza il Paese. E’ questa la risposta che possiamo dare ai nostri figli? E poi, i vent’anni  della ricostruzione di Gemona (nel ’76) sono equiparabili a vent’anni di oggi? Con aspettative umane e temporalità radicalmente cambiate rispetto al passato siamo disposti ad attendere così tanto? E queste tempistiche varranno anche come codice per i terremoti a venire?
Read More

Dalla Highline alla Lowline, così New York è sempre più green

lowlinw_prima

Il 14 luglio 2016 il vicesindaco di New York Alicia Glen e la Economic Development Corporation hanno annunciato di aver definitivamente approvato il progetto della Lowline, il primo parco ipogeo del mondo. Newyorkesi e turisti scenderanno sottoterra non più solo per prendere la metropolitana ma anche per godere di uno spazio verde totalmente innovativo! Se tutto andrà secondo i piani, la costruzione della Lowline dovrebbe concludersi entro il 2021, con una spesa totale di circa 55 milioni di dollari. Il cantiere del parco, che sorgerà precisamente sotto Delancey Street nel Lower East Side di Manhattan, sarà coordinato da un team di ingegneri e architetti della NASA.

Read More

Berlino, Vienna e Firenze. I luoghi delle installazioni sull’umanità contemporanea di Ai Weiwei

aiweiwei_prima

Continua la serie di installazioni sulle grandi migrazioni planetarie di Ai Weiwei, prima sulle colonne della Konzerthaus di Berlino, poi sulle acque della vasca barocca del parco del Belvedere Superiore di Vienna e adesso gommoni e giubbotti di salvataggio saranno ancorati sulla facciata di Palazzo Strozzi a Firenze. “Il mio obiettivo è collegare la grande tradizione italiana a forme d’arte contemporanea e il mio lavoro riguarda l’umanità contemporanea: il problema dei rifugiati è un problema del mondo attuale e dell’Europa di oggi”.Read More

#LightPathAKL. E’ ad Auckland la pista ciclabile più scintillante del mondo

cdog_lightpath

Il 3 dicembre 2015 è stato aperto il primo tratto della Nelson Street Cycleway, moderna pista ciclo-pedonale nel cuore di Auckland, in Nuova Zelanda. Si tratta di un progetto innovativo che, due settimane fa, è entrato nella lista dei finalisti per il World Architecture Festival, che si terrà a Berlino dal 16 al 18 novembre 2016 e durante il quale saranno annunciati i vincitori delle varie categorie: il LightPathAKL, nome ufficiale del progetto, compete nella categoria “Trasporti”.Read More

Olafur Eliasson a Versailles stupisce e incanta con le sue opere percettive

eliasson_06

Dal 2008 il castello di Versailles diventa ogni anno il palcoscenico su cui artisti di fama internazionale vengono invitati ad esporre le loro creazioni: Jeff Koons, Takashi Murakami, Giuseppe Penone, Lee Ufan e Anish Kapoor hanno invaso negli ultimi anni i giardini e le sale di uno dei palazzi reali più famosi al mondo. Quest’anno è la volta del danese Olafur Eliasson, artista molto atteso vista la particolarità delle sue ricerche artistiche che investigano la luce, la percezione e il movimento.Read More

© cityproject | DELETTERA EDITORE | p.i. 10077710159 tel. +39 02 29528788